Marans: la splendida gallina dalle uova color cioccolato

Ti avevo già parlato in un precedente articolo dell’Araucana, la simpatica gallina che depone uova di colore blu (o meglio, azzurre). Oggi invece vediamo un’altra razza, la Marans: una splendida e possente gallina che ci regala uova color cioccolato e che ti consiglio vivamente di aggiungere al più presto al tuo pollaio!

Intanto, eccoti tutto quello che c’è da sapere: 

Le galline di razza Marans sono famose in tutto il mondo perché depongono uova color cioccolato scuro, una singolare caratteristica che ha permesso loro di essere soprannominate “Poule aux œufs d’or” (che in francese significa “Gallina dalle uova d’oro”).

Le origini

La Marans prende il nome dalla omonima città francese, dove la razza fu selezionata a partire da un incrocio di polli selvatici locali con galli da combattimento inglesi e, in seguito, con la razza cinese Langshan – per migliorarne le qualità della carne.

La razza è stata presentata per la prima volta nel 1914 alla Mostra Nazionale di La Rochelle, città portuale sull’oceano Atlantico vicino a Marans, dove i battelli inglesi in passato facevano scalo scaricando i galli sopravvissuti ai combattimenti che i marinai organizzavano per divertirsi durante i loro lunghi viaggi.

Questi galli da combattimento dai colori più disparati, utilizzati appunto per creare l’incrocio, sono all’origine delle numerose varietà di colore della Marans, nonché causa del loro portamento fiero e della loro silhouette robusta.

In origine, la razza Marans era stata selezionata per la produzione di carne. Oggi, è famosa e allevata soprattutto per le uova, che possono essere di un marrone più o meno scuro.

Le caratteristiche delle Marans

Il carattere

La Marans è una razza di pollo con personalità calma, obbediente e amichevole nei confronti degli umani e degli altri polli.

I galli talvolta possono essere un po’ prepotenti e conflittuali con gli altri galli a causa dei loro antenati da combattimento, ma del resto quale gallo non lo è?

Le galline, invece, sono buone chiocce e madri attente ed amorevoli.

Se lasciate libere di ruspare, le Marans sono ottime cercatrici di cibo. L’unica cosa a cui prestare attenzione è che tendono un po’ a ingrassare. 

La mia Charlotta (la Marans nelle foto di questo articolo) è una delle mie galline più gentili, buone e affettuose. Rispetto alle altre mie galline, inoltre, ha gusti alimentari molto più “sani”, tant’è che la chiamiamo “la salutista”.

Infatti, mentre le altre snobbano alcuni avanzi o scarti, soprattutto quando si tratta di verdura, Charlotta è sempre in prima fila perchè ne va letteralmente ghiotta!

Charlotta, la mia Marans, è una delle mie galline più docili, buone e affettuose. E anche una gran buongustaia!

I colori del piumaggio

Sono nove, ad oggi, le varietà ufficiali di colore approvate dallo standard francese della razza Marans:

  1. Cucù-argentata
  2. Cucù-dorata
  3. Nero-unito
  4. Nero-ramato (Charlotta)
  5. Frumento
  6. Fulva a coda nera
  7. Bianca
  8. Ermellinata
  9. Marans nana*

Esistono altre varietà di colore che non sono state ancora incluse nello standard di perfezione perché sono ancora da omologare come il Nero-argentato, il Blu-ramato e il Blu-argentato, il Bianco Macchiato, e il Salmone-dorato e Salmone-argentato.

* la taglia della nana è di circa la metà, mentre gli standard e le varietà sono identici a quelli della Marans di taglia grande.

Le dimensioni

Dato che lo scopo originale della sellezione della razza Marans era quello di produrre carne, le dimensioni di questi polli sono notevoli. Il gallo pesa tra i 3,5 e i 4 kg, mentre la gallina tra i 2,6 e i 3,2 kg*.

Nel mio caso, Charlotta è la gallina più grande e “massiccia” che possiedo, e ha un portamento davvero splendido!

*il peso della varietà di Marans nana ovviamente cambia: il gallo pesa all’incirca 1,1 kg, la gallina 900 gr.

Caratteristiche standard

Quella Marans è una razza robusta, rustica, elegante.

Il gallo ha un corpo robusto e allungato, con lunghe e abbondanti piume che gli coprono le larghe spalle. Il collo è lungo, mentre il dorso è leggermente inclinato all’indietro. Il petto è forte e l’addome ben sviluppato, mentre le ali sono corte e aderenti al corpo. La coda è corta e portata – in entrambi i sessi – con un angolo non superiore ai 45º. Le zampe sono leggermente impiumate verso l’esterno.

La cresta di un gallo Marans è di taglia media e i bargigli sono rossi, così come gli orecchioni a mandorla. Gli occhi sono grandi di colore rosso-arancio, mentre il becco è leggermente ricurvo, di color corneo.

La gallina è un po’ meno alta del gallo ed ha un corpo largo, robusto e che tende più al lungo che all’arrotondato. Ha una coda piccola e serrata ed un addome ben sviluppato. La cresta è fine, e nella parte posteriore può essere dritta o inclinata.

Charlotta, la mia Marans, accanto ad Amanda, una delle mie ovaiole. Decisamente la Marans è una gallina forte, grande e robusta.

Per maggiori dettagli si rimanda al sito ufficiale.

Le uova color cioccolato della gallina Marans

Le Marans depongono intorno alle 150-200 uova color cioccolato (marrone scuro) all’anno, di circa 70-80 grammi di peso.

Rispetto alle altre galline, questa razza tende ad iniziare a deporre più tardi: solitamente verso i 6 mesi di vita, ma possono tranquillamente mettercene anche 8 o 9 (Charlotta addirittura ha fatto il suo primo uovo a circa un anno di età!!!).

Il colore delle uova può variare a seconda del periodo dell’anno. Queste tendono ad essere più scure nei mesi invernali, quando fa più freddo, e più chiare nei mesi estivi. Il colore dipende molto anche dall’intervallo tra un uovo ed un altro. Più è lungo, infatti, più l’uovo sarà scuro perché la pigmentazione avrà più tempo per accumularsi.

Delle 9 varietà riconosciute, la Nera-ramata è la varietà che depone le uova di colore più scuro.

La colorazione del guscio non dipende dall’alimentazione , ma da fattori genetici. Il colore scuro delle uova di Marans, infatti, deriva da ghiandole contenute nell’ovidotto che producono un liquido colorante tingendo il guscio appena prima che la gallina deponga. Questo liquido si secca rapidamente subito dopo la deposizione dell’uovo, facendo sì che il guscio resti colorato. Se però prendiamo con le dita l’uovo appena deposto e ancora umido, possiamo alterare (o rimuovere) questa pellicola colorante.

Non sempre i gusci delle uova di Marans sono uniformi ed omogenei, ed è assolutamente normale! (come puoi vedere nella foto). Frequente è, infatti, trovare un uovo pigmentato (con piccoli puntini più scuri) o anche, più raramente, con maculature molto scure e in leggero rilievo.

Oltre al singolare colore, un’altra caratteristica del guscio delle uova di Marans è che è più solido di quello delle uova classiche. In questo modo penetra meno aria all’interno dell’uovo e quest’ultimo si conserva e si mantiene fresco più a lungo.

Lo sapevi che? Alcune curiosità sulle uova di Marans

Pare che un dettaglio del guscio, ad esempio una macchia o un pigmento presente sulle prime uova deposte, perduri nel tempo, diventando una sorta di firma o di timbro personale di quella gallina.

Per aiutare gli allevatori di galline Marans a valutare la qualità del colore delle uova e a mantenere uno standard universale, il Marans-Club De France ha redatto una tabella di riferimento con la scala di colori dei gusci.

La carne di Marans

Premesso che io non allevo i polli per la loro carne (anzi, da quando abbiamo le galline non mangiamo più carne di pollo!), dato che la razza Marans originariamente era stata selezionata per la produzione di carne, questi polli sono una buona scelta anche per quest’ultimo scopo.

Pare che la carne sia di qualità eccezionale. Anche le dimensioni e la robustezza sicuramente potrebbero costituire un vantaggio, ma a mio avviso il problema principale è il costo.

Charlotta, infatti, l’ho acquistata già adulta (4 mesi circa) e l’ho pagata 35€. Legame affettivo a parte, di sicuro non mi conviene sbatterla in un forno!

L’allevamento

Acquistare una Marans

Puoi iniziare ad allevare Marans acquistando uova, pulcini di un giorno, pulcinotti o galline adulte.

  • Uova di Marans – acquistare uova da covare (in apposita incubatrice) è probabilmente il modo meno costoso e più affascinante. Non c’è niente di più bello dell’assistere alla schiusa delle uova e veder nascere i propri pulcini! L’aspetto negativo è la previsione del sesso ed un eventuale fallimento della schiusa. La percentuale del decesso alla schiusa, infatti, è circa 5-10% maggiore rispetto alle altre razze, proprio a causa delle caratteristiche del guscio di cui ti ho parlato sopra.
  • Pulcini di un giorno o pulcinotti – i rischi sono inferiori. Inoltre puoi scegliere il sesso del pulcino. Ricordati però che le prime settimane dovranno stare al caldo! Dovrai usare una apposita lampada riscaldante (la trovi a questo link: Lampadina Riscaldatore – personalmente non amo quelle che emettono luce rossa) oppure, la chioccia artificiale. In passato mi sono trovata molto bene con la chioccia. La trovo pratica e comoda, soprattutto perchè la puoi alzare man mano che i pulcini crescono. (la trovi a questo link: Chioccia Borotto)
  • Galline adulte – se riesci a trovare delle galline adulte, come ho fatto io, potrai avere le uova molto più in fretta! Io preferisco acquistare galline adulte da allevatori che le lasciano crescere con la loro mamma chioccia. Una scelta che trovo più etica.

Il pollaio

Essendo una razza piuttosto grande, ti consiglio di non lesinare sullo spazio. Assicurati di avere almeno 1 metro quadrato e 200 di spazio per esemplare al chiuso e 3 metri quadrati e 1/2 all’esterno, nel recinto. Questo ti consentirà di non ammassarle troppo, il che potrebbe portare a diversi problemi e alla diffusione di parassiti e malattie.

Per le mie galline (e anche per le mie oche) io ho coprato dei recinti 6×3 (li trovi a questo link: Gabbia per animali da esterno). In questo modo la notte sono tutti protetti.

Sappi però che dovrai cambiare la rete in dotazione (troppo debole), sostituendola con una a rete zincata (di 1 cm). Inoltre, ti consiglio vivamente di mettere la stessa rete anche tutt’intorno (o interrata) affinchè i predatori non scavino, passando sotto.

All’interno del recinto io ho messo un pollaio classico in legno (come ad esempio questo: Pollaio Gabbia)

Se vuoi qualche idea su come realizzare un pollaio sicuro, puoi trovare qualche spunto nel mio articolo dedicato a questo argomento: Come proteggere galline e oche da predatori e cacciatori.

L’alimentazione

Se acquisti dei pulcini, dovrai alimentarli con lo sbriciolato fino a circa 10 settimane di età. Poi potrai passare ad un mangime per la crescita pollame (fino a 17-20 settimane). A 20 settimane le tue Marans saranno adulte e potrai nutrirle con classico mangime per adulti.

Un consiglio? Non dimenticare di mettergli sempre un po’ di aceto di mele (biologico) nell’acqua e di dargli regolarmente l’aglio: le proteggerà dalle malattie. Esistono anche degli integratori di vitamine e calcio. Io a volte li uso in inverno.

La salute

Le Marans sono animali resistenti e con buon sistema immunitario. Ti consiglio di stare attento ai parassiti esterni a causa delle loro zampe che, come ti ho detto sono leggermente impiumate e quindi possono facilitarne il passaggio.

Puoi monitorare lo stato di salute delle tue Marans anche dalle uova. Infatti, le condizioni sanitarie possono influire considerabilmente sul colore, nonché sulla solidità del guscio. Una ripartizione dei pigmenti anormale, un aspetto biancastro e rugoso, e un guscio più molle sono spesso indice di malattie o di parassiti. Anche un ingrassamento eccessivo, cambiamenti ambientali o di alimentazione e lo stress possono essere fattori compromettenti.

***

Ti ringrazio per essere arrivato fino a qui e spero di esserti stata utile. Se ti è piaciuto questo articolo, metti un like sulla mia pagina Facebook. Non ti costa nulla, ma io saprò l’hai apprezzato.

Fonti: sito del Marans-Club De France)

Condividi l'articolo
error: Il contenuto è protetto!!
Torna su