Al Castello di Padernello (BS), un corso in agricoltura di prossimità

Nel cuore della Bassa Bresciana, il Castello di Padernello – testimone di storia e cultura del XV secolo – diventa palcoscenico di un’iniziativa pionieristica dedicata ai giovani: un corso di agricoltura di prossimità che mira a riscoprire e valorizzare le pratiche agricole sostenibili e la biodiversità locale.

Imparare a coltivare con consapevolezza e responsabilità

Promosso dalla Fondazione Castello di Padernello – in collaborazione con l’esperto agricoltore e produttore Lorenzo Cavalli, noto per la sua partecipazione al Mercato della Terra Slow Food – il corso punta a formare nuove generazioni di imprenditori agricoli, capaci di coltivare frutta e verdura in armonia con l’ambiente circostante.

Il programma prevede di insegnare ai partecipanti non solo le tecniche di coltivazione più rispettose del territorio e della sua biodiversità, ma anche le strategie per una commercializzazione etica e sostenibile dei prodotti.

Attraverso un approccio che valorizza le colture di nicchia e il recupero delle varietà marginali, il progetto si inserisce perfettamente nella filosofia di una filiera corta, promuovendo pratiche agricole che sono al contempo antiche e innovative.

L’obiettivo è duplice: da un lato, contribuire alla tutela dell’ambiente e, dall’altro, generare una cultura del “vivere bene” attiva e consapevole nelle comunità locali.

Un progetto integrato nel territorio

L’iniziativa della Fondazione Castello di Padernello fa parte del più ampio progetto “Generare Comunità”, vincitore del Bando Emblematico Maggiore promosso da Fondazione Cariplo, che vede la collaborazione di numerose realtà locali.

Oltre alla formazione in agricoltura di prossimità, il progetto ha già dato vita a botteghe artigiane e un albergo diffuso a Cascina Bassa, promuovendo l’alta formazione e adottando modelli di welfare e produzione basati sull’economia circolare.

Corsi di restauro, pelletteria, norcineria e altre attività artigianali sottolineano l’impegno verso un approccio che rispetta l’ambiente e valorizza le risorse locali.

Come partecipare al cambiamento

I giovani interessati a diventare parte di questa rivoluzione verde possono  contattare la Fondazione Castello di Padernello per maggiori informazioni e per aderire al progetto pilota.

Si tratta di un’opportunità unica per imparare da professionisti esperti del settore, vivere un’esperienza formativa unica e, perché no, dare vita a nuove imprese che sappiano coniugare innovazione e tradizione, rispetto per l’ambiente e sviluppo economico sostenibile.

Condividi l'articolo
error: Il contenuto è protetto!!
Torna in alto